Assaggi da Caffè Culture, la fiera di Londra appena conclusa

Chiude i battenti Caffè Culture, la grande kermesse dedicata al mondo del caffè che ha richiamato a Londra operatori e amatori del settore da tutto il mondo, intrattenendoli per quasi una settimana con convegni, seminari, le note competizioni riservate ai baristi e agli assaggiatori di caffè e, ovviamente, tutte le ultime novità del settore.

Ma cosa si è potuto scoprire a Caffè Culture? Ad esempio i packaging biodegradabili per caffè pensati dalla Lincoln&York: confezioni create con amido di grano e patata assieme a  un ulteriore strato in materiale metallizzato o trasparente, ma ugualmente biodegradabile nel giro di un anno al massimo. Il tutto, sostengono alla Lincoln&York, con l’imprescindibile qualità di mantenere completamente inalterata la freschezza del prodotto contenuto.

O le curiose le dimostrazioni del team “molecolare” della Cream Supplies che ha proposto inusuali drink a base di caffè facendo scendere in campo le leggi, e gli ingredienti, della cucina molecolare. Con schiume davvero formidabili…
E poi le novità tra le miscele, le macchine espresso, i macina-caffè, ma anche insegne accattivanti e software di ultima generazione per le ordinazioni. E tra i torrefattori spiccano anche le numerose iniziative a fin di bene: il progetto “Coffee Kids” della Green Mountain Coffee Roasters che nel giro di quattro anni ha devoluto 500.000 dollari  a sostegno della qualità di vita dei coltivatori di caffè del Nicaragua. O il caffè guatemalteco della Grumpy Mule: per ogni confezione venduta una percentuale è destinata a un progetto di scolarizzazione nel paese.

E infine le competizioni: il titolo dell’undicesima edizione della World Barista Championship va per la prima volta a un americano: Micheal Phillips, già due volte vincitore negli Stati Uniti, che ha conquistato la giuria facendo leva sulle lievi differenze degustabili in tre caffè trattati in modi differenti. Ma non è  il solo: il belga Jeroen de Corte ha trionfato nella World Coffee in Good Spirits Championship, così come il gutemalteco Hector Gonzalez, migliore assaggiatore di caffè nella World Cup Taster.

Print Friendly, PDF & Email
Share