Caffè Slavia

Caffè Slavia
(4 votes, average: 4.75 out of 5)
Loading ... Loading ...

Il caffè Slavia, fondato nel 1881, è stato luogo d’incontro di attori, artisti e letterati come Kafka, Rilke, Smetana e Dvorak. Negli Anni Trenta prediletto dall’intellighenzia progressista e dei poeti del Devětsil (una avanguardia artistitica praghese); tra questi, Jaroslav Seifert (premio Nobel nel 1984) che ha raccontato dibattiti e appassionate, infinite polemiche e che nelle sue poesie ha celebrato Praga, l’eredità culturale del suo paese con stile colloquiale, humour e sensualità. Al Caffé Slavia  Jaroslav Seifert dedica questo versi:

“In onore del poeta bevevamo assenzio
che è più verde
di tutto ciò che è verde,
e quando dal nostro tavolo guardavamo fuori dalla finestra
sotto la banchina fluiva la Senna”

Il bevitore di assenzio_Viktor Oliva

Il bevitore di assenzio_Viktor Oliva

Tra gli avventori Apollinaire e Majakovskij e, durante gli anni del regime, tra gli intellettuali dell’opposizione, anche Václav Havel, futuro presidente. Chiuso nel 1991 grazie ad una petizione popolare fu ristrutturato e riportato al suo aspetto Art Déco degli anni 30 e quindi riaperto nel 1997. Le finestre sul lungofiume permettono di godere del magnifico panorama sul Castello e del Ponte Carlo. Alla parete il quadro di Viktor Oliva “Il bevitore d’assenzio” del 1901, dove un’allucinazione dovuta all’assenzio appare seduta al tavolino dell’avventore.

Nella bella fotografia, tratta dalla monografia Atmosfere di Caffè di Giuseppe Ialuna, al Caffè Slavia il sogno sembra materializzarsi: la ragazza del dipinto pare uscita dalla tela, ectoplasma condensato della visione del bevitore, è seduta al tavolino, polare al quadro: sembra aspetti amareggiata chi non vuole svegliarsi dal suo sogno, è lei il sogno, il sognatore, la fotografia. Sogno per chi sogna, realtà che diventa immagine per chi fotografa. Immagine che colloca nel tempo e nello spazio speranze attese e lo scorrere della vita.

Cafè Slavia_Foto_Giuseppe_Ialuna

Cafè Slavia_Foto_Giuseppe_Ialuna

“Caffé Slavia”  Olly Komenda-Soentgerath

Sono stata ad aspettarti alla stazione.
Con ogni aeroplano ho sognato di arrivare a te.
Ora al Caffè Slavia sulla Moldava indifferente
Tu mi sei vicino irraggiungibilmente.
Fra noi un tavolino, un mondo intero.

Sito del Caffè Slavia [Link]
.

Share

Piaciuto l'articolo? Sostieni Amici del Caffè con una donazione.



Diritti riservati. E' possibile divulgare l'articolo copiando il titolo ed esclusivamente la parte in neretto, citando la fonte e inserendo sempre il link alla pagina originale.