Caffè e Indonesia: l’anteprima di TriestEspresso Expo

Caffè e Indonesia: l’anteprima di TriestEspresso Expo
(1 votes, average: 5.00 out of 5)
Loading ... Loading ...

L’inaugurazione ufficiale con le autorità si è tenuta in fiera a metà mattina. Ma il primo evento del ricco calendario di TriestEspresso Expo si è svolto ancor prima, in Camera di Commercio. Si è trattato del “Focus Indonesia: opportunità commerciali, investimenti, turismo”, organizzato da Aries, a cui hanno partecipato, tra gli altri, Mohamad Oemar, ambasciatore dell’Indonesia in Italia, una delegazione di sessanta indonesiani e Vincenzo Sandalj, nella duplice veste di console onorario dell’Indonesia in Italia e di titolare della Sandalj Trading Company.

Sandalj, raccontando la propria esperienza nel commercio di caffè verde nel Paese, ha tratteggiato un interessante quadro sulla produzione e sul commercio del caffè indonesiano.

Qualche dato? Sono ben 2milioni i piccoli coltivatori, il caffè è coltivato prevalentemente nelle isole di Sumatra e Java, l’85% della produzione è robusta, mentre il 15% arabica. Il trend di produzione è in continua crescita, tanto che nel 2009 l’Indonesia ha scavalcato la Colombia, diventando seconda solo a Brasile e Vietnam, con una produzione di circa 11milioni di sacchi all’anno. Non solo: è il secondo Paese consumatore di caffè tra tutti i Paesi produttori.

“L’Europa è divisa nelle preferenze di consumo – rileva Sandalj –. I mercati del Nord sono molto interessati ai prodotti di certificazione etica, mentre in Italia viene guardata in particolar modo quella di origine geografica. Insomma, l’Italia è più interessata al gusto che il prodotto dà in tazza. In questo quadro, l’Indonesia ricopre un ruolo di rilievo per i prodotti certificati che chiaramente hanno un premio sul mercato rispetto agli altri”.

“Alla Sandalj Trading Company – prosegue – lavoriamo per introdurre il caffè indonesiano nelle miscele dei torrefattori italiani. Da questo punto di vista è un Paese molto interessante, perchè offre un’enorme varietà: i robusta sono caffè dolci, bilanciati, con forte corposità, mentre gli arabica hanno buon corpo, un’acidità non eccessiva con grande varietà di gusti, essenze floreali e fruttate. E sono convinto che ci sono ancora moltissime varietà da esplorare”.

Share

Piaciuto l'articolo? Sostieni Amici del Caffè con una donazione.



Diritti riservati. E' possibile divulgare l'articolo copiando il titolo ed esclusivamente la parte in neretto, citando la fonte e inserendo sempre il link alla pagina originale.