Montesquieu, Parigi e il caffè

Montesquieu, Parigi e il caffè
(1 votes, average: 5.00 out of 5)
Loading ... Loading ...

“Il caffè è l’unico luogo dove il discorso crea la realtà, dove nascono piani giganteschi, sogni utopistici e congiure anarchiche senza che si debba lasciare la propria sedia.”

Montesquieu (1689-1755) ironizza sull’abitudine diffusa a Parigi e in una lettera privata scrive: “…nei locali dove è servito, i proprietari sanno come prepararlo perché scuota le menti di chi lo beve. Quando i clienti lasciano i caffè tutti credono di essere diventati almeno quattro volte più intelligenti del loro arrivo.”

Pare che sotto il regno di Luigi XV i caffè a Parigi fossero circa 600 e che il loro numero quintuplicasse cent’anni dopo. Sono personaggi come Diderot, Rousseau e Voltaire a frequentarli assieme al pensatore, filosofo e giurista francese che sostenne la separazione dei poteri. Era iniziata un’epoca di ricerche, confronti, scoperte dove il pensiero non riusciva più a trattenersi. Un profondo desiderio di quel bene che fa godere degli altri beni, il diritto di fare ciò che le leggi permettono, così Montesquieu definisce la libertà, darà inizio a rivoluzioni che sconvolgeranno l’Europa, e il via agli stati nazionali. Che tempi fossero maturi o sia stata colpa della caffeina non si può dire.

Share

Piaciuto l'articolo? Sostieni Amici del Caffè con una donazione.



Diritti riservati. E' possibile divulgare l'articolo copiando il titolo ed esclusivamente la parte in neretto, citando la fonte e inserendo sempre il link alla pagina originale.