Una tazzina di caffè, il logo del Campania Pride 2011

Una tazzina di caffè, il logo del Campania Pride 2011
(2 votes, average: 5.00 out of 5)
Loading ... Loading ...

Gli organizzatori del Campania Pride 2011, la ricorrenza mondiale dell’orgoglio gay, lesbica, trans, queer e interosessuali (LGBTQI o LGBTQI friedly) che ricorre il 28 giugno, ma che verrà festeggiato il fine settimana del 25 giugno a Napoli, hanno scelto come logo della manifestazione una tazzina di caffè.

Il momento di aggregazione e sensibilizzazione contro l’omofobia sarà rappresentato dal caffè, visto nelle diverse chiavi di lettura: pausa e socializzazione, cultura della riflessione e del piacere ma anche riflessione sul mercato equo e solidale, simbolo asessuato e rappresentativo della cultura campana. Infine, il Caffè come luogo sociale e solidale, perché quello “sospeso” rappresenta la chiave solidale dell’attenzione al più debole e in difficoltà. Luciano De Crescenzo, scrittore napoletano, lo esalta così: “Quando un napoletano è felice per qualche ragione, invece di pagare un solo caffè, quello che berrebbe lui, ne paga due, uno per sé e uno per il cliente che viene dopo. E’ come offrire un caffè al resto del mondo…”.

Parate di carri in festa non solo a Napoli, ma anche a Rimini e a Milano, lo stesso giorno sfileranno per le città e saranno portavoce della lotta per la liberazione delle persone LGBTQI. La madrina dell’iniziativa, Vladimir Luxuria, esordisce così sul sito ufficiale del Campania Pride 2011: “Se vogliamo vivere alla luce del sole, chist è ‘o paese d”o sole! Se non dobbiamo vergognarci di amare, i’ te vurria vasà! Se vogliamo essere orgogliosi e svegli, ‘na tazzulella ‘e cafè! Vi aspetto al Campania Pride per camminare a testa alta non traballare mai, neanche sui tacchi per affrontare l’odio con la nostra gaiezza perché il nostro sorriso è meglio del loro ghigno!”.

Share

Piaciuto l'articolo? Sostieni Amici del Caffè con una donazione.



Diritti riservati. E' possibile divulgare l'articolo copiando il titolo ed esclusivamente la parte in neretto, citando la fonte e inserendo sempre il link alla pagina originale.