Addio allo storico caffè di Buenos Aires

Addio allo storico caffè di Buenos Aires
(1 votes, average: 5.00 out of 5)
Loading ... Loading ...

Ai suoi tavolini sedevano grandi della letteratura come Jorge Luis Borges, Graham Greene, Antoine de Saint-Exupery. Ma la gloriosa tradizione del Richmond Cafè di Buenos Aires è tramontata: lo storico caffè è stato chiuso e tra lo scandalo degli argentini si trasformerà in un megastore Nike.

Un’atmosfera di profonde poltrone di pelle e grandi candelieri, accogliente e ricercata, simile alla lobby di un hotel. E poi il fascino di sedersi dove un tempo, si dice, Borges buttasse giù idee su salviette da cocktail, luogo citato in capolavori come “Il console onorario” di Greene e “Il gioco del mondo” di Julio Cortazar.

Un incanto infranto da poco più di due settimane, che ha lasciato sgomenti i passanti di Calle Florida, una delle vie commerciali più inn della capitale argentina, che continuano a sbirciare dietro le porte serrate e le vetrate verniciate di bianco. Per cercare di contrastare l’ineluttabile destino del caffè, in molti si sono mobilitati con raccolte di firme, sollecitando la classe politica locale, senza riuscir a ottenere, per ora, alcun risultato.

Share

Piaciuto l'articolo? Sostieni Amici del Caffè con una donazione.



Diritti riservati. E' possibile divulgare l'articolo copiando il titolo ed esclusivamente la parte in neretto, citando la fonte e inserendo sempre il link alla pagina originale.