Cambi climatici

Cambi climatici
(1 votes, average: 5.00 out of 5)
Loading ... Loading ...

Insetti infestanti e cambiamenti climatici: l’uno conseguenza dell’altro, e assieme causa di gravi danni alle coltivazioni di caffè. Uno scenario per il prossimo futuro poco incoraggiante, descritto minuziosamente da un gruppo di ricercatori kenyani nello studio pubblicato il mese scorso su PloS One.

Già nel 2050, la produzione di caffè potrebbe subire una forte riduzione: il cambiamento climatico, spiegano i ricercatori dell’International Centre of Insect Physiology and Ecology, creerebbe terreno fertile al proliferare di un baco delle ciliegie di caffè. Ma i problemi non giungerebbero solo dalle pestilenze: l’aumento stesso delle temperature costringerà i contadini a spostare le proprie coltivazioni ad altitudini maggiori, ove chiaramente fosse possibile.

Nella mappatura globale delle zone a maggiori rischio realizzata dagli studiosi emergono l’Africa orientale, con importanti paesi produttori come Etiopia, Kenya e Uganda, e molte aree dell’America meridionale. Ma gli scienziati propongono anche soluzioni per non giungere impreparati: Peter Laderach del Centro Internazionale per l’Agricoltura Tropicale insiste sulla diffusione delle colture all’ombra di alberi ad alto fusto, che consentono il mantenimento di un microclima più fresco.

Per approfondire: The influence of climate change on coffee berry borer -PlosOne

Share

Piaciuto l'articolo? Sostieni Amici del Caffè con una donazione.



Diritti riservati. E' possibile divulgare l'articolo copiando il titolo ed esclusivamente la parte in neretto, citando la fonte e inserendo sempre il link alla pagina originale.