Cafè do Brasil acquisisce “La tazza d’oro”

La storica azienda sarda del caffè passa sotto il controllo della società napoletana: management e marchi verranno mantenuti.  Cafè do Brasil conquista i bar della Sardegna grazie all’acquisizione della storica azienda cagliaritana del caffè La Tazza d’oro.  Un’operazione che conferma lo sviluppo nel canale Ho.Re.Ca.(Hotellerie-Restaurant-Café) della società napoletana proprietaria dei marchi Kimbo e Kosè, collocandola oggi tra i principali player nazionali del settore.

Il bilancio 2011, chiuso con un + 8,7% in valore, vede infatti Cafè do Brasil ben collocata nei bar: Kimbo è protagonista in locali di grande charme (a cominciare da quelli nei foyer del Teatro alla Scala di Milano), sui mercati esteri  (11.000 bar in Francia), mentre  la recente partnership con Autogrill ha portato il marchio in oltre 600 bar italiani che si aggiungono ai numerosi già partner di Cafè do Brasil.  La società partenopea ha trovato ne La Tazza d’oro una realtà affine per storia e passione:  Cafè do Brasil è infatti nata dalla volontà della famiglia Rubino che 60 anni fa ha trasformato  la propria torrefazione in un’azienda moderna, capace di incarnare la  più autentica tradizione e cultura napoletana del caffè. Analogamente da Giuseppe e Carmela Murgia, che fondarono La Tazza d’oro a Cagliari nel 1938, si è sviluppata una della realtà sarde più famose nel mondo del caffè. Oggi le trattative per l’acquisizione sono avvenute con la signora Adriana Murgia, figlia dei fondatori, e il marito e amministratore delegato Luciano Carta.

Il futuro asset di quest’azienda sotto Cafè do Brasil S.p.A prevede di mantenere e potenziare i marchi che oggi ben esprimono la propria presenza sull’isola: i consumatori ritroveranno quindi le linee “La Tazza d’oro”, la linea “Caffè Karalis” e le cialde e capsule “Adesso Espresso”. Un altro importante segno di continuità sarà rappresentato dal management che continuerà a essere quello de La Tazza d’oro, mentre le linee guida saranno espresse da Cafè do Brasil.

Print Friendly, PDF & Email
Share