Parigi per sognare

Parigi per sognare
(No Ratings Yet)
Loading ... Loading ...

Parigi, la città degli innamorati, della torre Eiffel, delle passeggiate lungo la Senna, degli artisti di strada, dello spirito bohémien, dei parchi e giardini urbani, della nouvelle cuisine, dei bistrot e dei cafè all’aperto.

Il primo caffè, il più antico del mondo si trova proprio a Parigi “le Precope”che risale al 1686 e fu fondato da un siciliano, Francesco Procopio. Divenne subito popolare tra l’èlite politica e letteraria e tra i suoi clienti famosi vi furono Benjamin Franklin, Voltaire e il giovane Napoleone. Soltanto nel secolo successivo i caffè assunsero un ruolo viale nella vita sociale parigina con l’allargarsi delle strade cittadine e la creazione dei Grand Boulevards che permisero ai caffè di occupare i marciapiedi ed essere animati giorno e notte da studenti, artisti e intellettuali di tutte le nazionalità. Emile Zola diceva: ” … grandi folle silenziose si sedettero a guardare la vita fluire nelle strade”.

 Nel XIX secolo, gli ufficiali della Guardia del Primo Impero andavano al Cafè d’Orsay, l’alta società preferiva il Cafè de Paris e il Cafè Tortini e gli appassionati di teatro il Cafè de la Paix che conserva ancora oggi l’antico fascino e le decorazioni di quel tempo disegnati da Garnier. I caffè più famosi sono situati però sulla riva sinistra, a St German e a Montparnasse, dove si riunivano i letterati di un tempo e rivoluzionari russi tra cui Lenin e Trotzkij.

Oggi, questa zona di Parigi è piena di turisti e frequentatori delle boutique di lusso nate intorno e gli intellettuali si sono spostati sulla Rive Droite e nella zona Marais e dintorni, è il regno dei nuovi bohémien amanti di uno stile ricercato e non convenzionale.

Share

Piaciuto l'articolo? Sostieni Amici del Caffè con una donazione.



Diritti riservati. E' possibile divulgare l'articolo copiando il titolo ed esclusivamente la parte in neretto, citando la fonte e inserendo sempre il link alla pagina originale.