I nuovi dati del caffè in Brasile

I nuovi dati del caffè in Brasile
(No Ratings Yet)
Loading ... Loading ...

Dai dati avuti recentemente dall’ABIC (Associação Brasileira das Industrias de Café) il consumo di caffé nel Brasile ha attinto quasi le 20mila sacche di prodotto verde, tra il mese di Maggio e quello di Aprile dell’anno corrente. La crescita in sé raggiunge il 3,05 per cento in piú, comparata con i dati dell´anno passato.

Ma, in veritá, questa associazione, sperava in dati migliori (dal 3,5 al 4% previsti) ma, anche se le cifre sono state leggermente piú basse, i suoi dirigenti sperano di finire l’anno corrente con almeno 22 milioni di sacchi consumati. Anche se questi dati sono soli provvisori, vanno chiariti e questo significa che l´ABIC vorrebbe che i prossimi numeri sul consumo siano piú alti. Américo Sato, presidente dell entitá, dichiara che il risultato é minore dell’attesa, ma… “Non siamo ancora alla fine dell’anno” dice. Anche se i dati non sono andati per la maggiore, l’associazione vede una crescita del numero di consumo interno di almeno 21 milioni di sacchi. Questi dati intermediari nell’anno mostrano in maniera chiara e inevitabile, che il consumo pro-capite é stato di 6,18 chili di grano in chicchi (il torrefatto ha raggiunto i 4,9 chili) corrispondendo al totale pro- capite di ben 83 litri di bevanda consumata per ogni brasiliano, insomma, un’avanzata del 1,23% in relazione allo stesso periodo dell’anno passato.

¨Il brasiliano stá consumendo piú caffé di giorno in giorno, ma stá diversificando la maniera di bere il prodotto durante il giorno, addizionando al ¨classico¨ caffé-colato (bevuto soprattutto in casa) e anche apprezzando l’espresso, il cappuccino e tutte le altre varie combinazioni, come dichiara il Sig. Márcio Reis dell’area di ricerche Abic. Quello che ancora manca sul territorio, per avere una crescita maggiore del prodotto stesso, é la macanza cronica di macchine. Infatti, sul posto non vi é ancora una fabbrica ¨vera¨ di macchine di caffé, siano queste professionali che casalinghe… Allora, le macchine vengono tutte quante inportate e i tassi importativi locali stanno pesando gravemente sull’import, rendendo questi quasi impossibili. Comprare oggi una banale macchina professionale é costoso e una piccola macchina di caffé casalinga sta diventando un lusso alto. Speriamo che, per il Brasile, vengano tempi migliori !

A cura di Gil Manigrassi

Share

Piaciuto l'articolo? Sostieni Amici del Caffè con una donazione.



Diritti riservati. E' possibile divulgare l'articolo copiando il titolo ed esclusivamente la parte in neretto, citando la fonte e inserendo sempre il link alla pagina originale.