Il buon caffè de El Salvador

Il buon caffè de El Salvador
(No Ratings Yet)
Loading ... Loading ...

Una serie di incontri tematici volti ad approfondire la conoscenza dei caffè di eccellenza Centro-Sud Americani ha preso il via questo giugno e si soffermerà di volta in volta sui pregiati caffè di un paese latinoamericano diverso: la vita dei produttori, le varietà e le caratteristiche organolettiche dei caffè e naturalmente la possibilità di degustarli hanno animato e animeranno gli appuntamenti di “Tendiendo puentes” organizzati dall’Istituto Agronomico per l’Oltremare di Firenze, tramite il proprio Ente operativo Associazione CafèLatino, e dall’Istituto Italo Latino Americano. Il primo appuntamento di giugno, organizzato con l’Ambasciata di El Salvador in Italia, era tutto dedicato a El Salavdor.

Cosa si è potuto scoprire di questo paese? El Salvador produce solamente caffè arabica e le principali varietà sono Bourbón, che rappresenta il 68% dell’area totale della coltivazione di caffè nel Paese, Pacas, varietà salvadoregna proveniente da una mutazione naturale del Bourbón che corrisponde al 29% della coltivazione del caffè nel Paese, il restante 3% di produzione include Pacamara, un ibrido salvadoregno risultante dall’incrocio delle varietà Pacas e Maragogipe, che presenta eccellenti proprietà in tazza.

In El Salvador le ciliegie di caffè vengono selezionate e raccolte quando hanno un colore rosso brillante per poi essere processate per via umida; la loro lavorazione – effettuata dai “beneficiadores” – prevede una capacità giornaliera che va dai mille ai cinquemila quintali (un quintale di ciliegie equivale a un sacco di 46 Kg di caffè verde).
I caffè provenienti da El Salvador, date le loro caratteristiche organolettiche, possono essere utilizzati sia in miscele che “in purezza” e sono particolarmente apprezzati nell’espresso.

Per El Salvador il caffè rappresenta un’attività di importanza strategica per la sostenibilità economica, sociale ed ambientale del Paese e per garantirne la stabilità sociale e politica. Nel 2011 il caffè ha rappresentato l’1,5% del Prodotto Interno Lordo e ha costituito l’8,7% del totale delle esportazioni del paese. In condizioni di normalità, il settore caffeicolo impiega centocinquantamila persone con un indotto che dà lavoro a circa cinquecentomila persone.

Negli ultimi anni El Salvador si è distinto nell’ambito del Wbc sia come “presenza” di caffè portati in gara da competitori provenienti da diverse parti del mondo, sia come competitori rappresentanti la bandiera salvadoregna; ricordiamo Alejandro Mendez il campione mondiale del Wbc 2011 e William Hernandez , terzo classificato al Wbc 2013.

Share

Piaciuto l'articolo? Sostieni Amici del Caffè con una donazione.



Diritti riservati. E' possibile divulgare l'articolo copiando il titolo ed esclusivamente la parte in neretto, citando la fonte e inserendo sempre il link alla pagina originale.