Un caffè con Amoretto

Un caffè con Amoretto
(2 votes, average: 5.00 out of 5)
Loading ... Loading ...

La microcaffettiera Amoretto nasce da un’idea di Andrea Moretto collezionista di caffettiere italiane per passione, progettista e docente meccanico di professione. 

“Un giorno di particolare ispirazione – racconta Andrea Moretto – penso di unire in simbiosi ciò che più mi cattura emotivamente: collezione e progettazione. Decido, quindi, di realizzare una nuova caffettiera: dovrà essere singolare e personale, unica e speciale! Durante una delle tante ricerche per ampliare la mia collezione, leggo che è stata realizzata “la caffettiera più piccola del mondo”, soli 19 mm di altezza.

Raccolgo la sfida, certo che le mie conoscenze tecniche mi aiuteranno a stabilire un nuovo record. Scelgo il sistema di funzionamento più idoneo e meno “ingombrante”, escludo cuccume o contenitori, l’infuso si riverserà direttamente nella “microtazza”. Nessuna guarnizione, troppo facile da bruciare. Il primo prototipo risponde bene, ma deve essere perfezionato. Il secondo (quello che appare nel video) è perfetto. Il modello definitivo sarà solo un po’ più curato nell’estetica e nelle finiture, anche l’occhio vuole la sua parte!”

Amoretto è stata presentata durante i festeggiamenti per il compleanno della Moka inventata 80 anni fa da Alfonso Bialetti. Tra le diverse iniziative tenutesi ad Omegna per l’occasione, oltre alla presentazione di Amoretto e del libro Coffee Markers, artisti, collezionisti, e amanti del caffè hanno aderito all’invito e la mostra “Caffè 33″ sarà visitabile fino al 26 ottobre.

Amoretto: è alta 13,5 mm e pesa 7,5 gr, viene caricata con 0,013 gr di caffè e quattro gocce d’acqua per ottenere un infuso di sole due gocce. Ha soppiantato, per misure, il piccolo capolavoro dell’orefice Pietro Marmo e ha avuto l’onore di poggiare sulle mani della signora Bialetti. E per una caffettiera, anche se così piccina, non deve essere cosa da poco.

Share

Piaciuto l'articolo? Sostieni Amici del Caffè con una donazione.



Diritti riservati. E' possibile divulgare l'articolo copiando il titolo ed esclusivamente la parte in neretto, citando la fonte e inserendo sempre il link alla pagina originale.