Pittura al caffè alla biennale di Firenze

Pittura al caffè alla biennale di Firenze
(2 votes, average: 5.00 out of 5)
Loading ... Loading ...

Dal 30 novembre al 8 dicembre, alla biennale d’arte di Firenze, sarà possibile ammirare un dipinto al caffè realizzato dall’artista Donatella Marraoni.

Donatella Marraoni è un’affermata artista perugina che realizza opere pittoriche utilizzando svariate tecniche e può vantare una significativa produzione di quadri interamente eseguiti con il caffè come tintura. Una di queste opere sarà esposta tra pochi giorni alla nona edizione della biennale internazionale d’arte contemporanea di Firenze che si terrà nella Fortezza da Basso da sabato 30 novembre fino a domenica 8 dicembre.

Donatella si avvicina all’arte nel 1995, frequenta l’Accademia di Belle Arti di Perugia e si laurea nel 1998 con il massimo dei voti. Nello stesso anno lascia l’Italia e si trasferisce in Inghilterra dove vivrà per 5 anni. E’ proprio questo soggiorno che influenzerà la sua espressione artistica e le farà scoprire la magia del caffè. Quadri vellutati, con colore soffuso e un aroma unico, inconfondibile. Il caffè non viene mai usato come un acquerello, ha una essenza in sé che guida e definisce l’immagine. Le tele iniziano a prendere vita di una luce nuova, i quadri al caffè non sono solo rappresentazioni, sono immagini di vita, sono messaggi di quotidianità. L’artista ha superato la selezione per la Biennale di Firenze proprio con questi lavori e uno dei quadri che saranno esposti sarà realizzato al caffè.

Donatella, che ha all’attivo numerose esposizioni su scala nazionale, parlando della propria tecnica dichiara: «nulla di speciale, anche se di speciale il caffè ha un mondo. Mi sveglio, preparo il classico caffè con la caffettiera… metà lo gusto e l’altra metà lo utilizzo per dare vita a queste mie visioni».

Per approfondire: le-aly-di-lia

Share

Piaciuto l'articolo? Sostieni Amici del Caffè con una donazione.



Diritti riservati. E' possibile divulgare l'articolo copiando il titolo ed esclusivamente la parte in neretto, citando la fonte e inserendo sempre il link alla pagina originale.