Inspiring Chefs, il calendario Lavazza 2014

Inspiring Chefs, il calendario Lavazza 2014
(No Ratings Yet)
Loading ... Loading ...

A Milano c’è stato, circa un mese fa, il lancio del nuovo Calendario Lavazza 2014 dal titolo Inspiring Chefs che, con il celebre ritrattista Martin Schoeller punta dritto al cuore del proprio mondo e rende protagonisti gli chef, coloro che fanno dell’ispirazione in cucina il proprio mantra.

A loro Lavazza dedica l’intero 2014 con un Calendario che vede la direzione creativa affidata, come per le precedenti edizioni, all’Agenzia Armando Testa. I magnifici sette scelti per ‘il Lavazza’ sono Ferran Adrià e suo fratello Albert, Michel Bras, Massimo Bottura, Antonino Cannavacciuolo, Carlo Cracco, Davide Oldani, cuochi e innovatori che da anni si lasciano conquistare dal caffè Lavazza e che lo reinterpretano attraverso le loro creazioni. Una sfida interessante per un artista come Martin Schoeller, ma soprattutto un’esperienza unica, primo esempio di un approccio artistico che vede gli chef protagonisti e non comprimari di una scena, sia questa figurativa o fotografica. In questi ultimi anni invece, è chiaro come l’attenzione verso la gastronomia sia cambiata e si sia amplificata. Gli chef sono testimoni, ispiratori appunto di un nuovo modo di concepire il cibo, e di farne materia di studio (e di sperimentazione) in continuo divenire.

“Abbiamo voluto porre gli chef, amici innanzitutto prima che pionieri del nuovo corso del gusto, al centro del nostro mondo che si mantiene onirico, divertito e sempre ironico. Con Martin e l’agenzia Armando Testa, li abbiamo immaginati ora giocolieri, ora immersi in bolle di pensiero. Ora filosofi della natura, ora alla ricerca dell’essenza della vita, ora alla riscoperta delle origini, siano queste le tele bianche di un chicco di riso, i volumi che raccontano il nostro passato, o il mare da cui tutto nasce”. Così Francesca Lavazza, Direttore Corporate Image dell’Azienda, racconta questa nuova edizione.

Il risultato finale è unico: una straordinaria alchimia che combina foto da leggere, storie raccontate con una visione quasi cinematografica: e gli chef, protagonisti sicuramente insoliti per un calendario, si sono sentiti immediatamente a proprio agio nelle ambientazioni create da Scholler e, con una tazzina di espresso in mano, hanno rivelato la loro essenza più nascosta, di fronte all’obiettivo.

Share

Piaciuto l'articolo? Sostieni Amici del Caffè con una donazione.



Diritti riservati. E' possibile divulgare l'articolo copiando il titolo ed esclusivamente la parte in neretto, citando la fonte e inserendo sempre il link alla pagina originale.