L’11 aprile si votano i tre baristi più amati d’Italia

L’11 aprile si votano i tre baristi più amati d’Italia
(No Ratings Yet)
Loading ... Loading ...

In occasione di Espresso Italiano Day, giornata nazionale dell’espresso, i clienti di 2.000 bar potranno votare il loro barista con una nuova app per iPhone e Android e fargli vincere un viaggio in Brasile.

“Se ami il tuo barista, mandalo a quel paese”: questo lo slogan di Espresso Italiano Day, la giornata nazionale del caffè che si terrà l’11 aprile, e che vedrà coinvolti 2.000 bar in tutta Italia. I clienti potranno infatti votare il loro bar preferito tramite la nuova app MyCoffeeCup per iPhone e Android, presto disponibile sui rispettivi store. I tre bar più votati vinceranno un viaggio in Brasile, alla scoperta del caffè.

“Espresso Italiano Day è l’appuntamento annuale con il quale desideriamo porre al centro dell’attenzione per un giorno quella bellissima professione che è il barista – racconta Luigi Zecchini, presidente Istituto Nazionale Espresso Italiano – Quest’anno vogliamo coinvolgere attivamente i clienti dei bar dando loro l’opportunità di premiare i baristi che ritengono più capaci e attenti, quei professionisti quindi in grado di assicurare qualità e servizio ogni giorno dell’anno”.

Sarà presto disponibile a www.espressoitaliano.org la mappa dei bar aderenti a Espresso Italiano Day, che comunque come tutti gli anni riporteranno una speciale vetrofania sulla porta. Già disponibile sul sito, per tutti coloro che vogliono conoscere meglio la tazzina di caffè, la guida L’Italia dell’Espresso.

Chi è l’Istituto Nazionale Espresso Italiano
L’Istituto Nazionale Espresso Italiano, di cui fanno parte torrefattori, costruttori di macchine e macinadosatori e altri sodalizi che volgono la loro attenzione all’espresso di qualità, oggi conta 40 associati con un fatturato aggregato di circa 900 milioni di euro.

 

Share

Piaciuto l'articolo? Sostieni Amici del Caffè con una donazione.



Diritti riservati. E' possibile divulgare l'articolo copiando il titolo ed esclusivamente la parte in neretto, citando la fonte e inserendo sempre il link alla pagina originale.