Elogio al caffè

“Il caffè è la vergine di un mattino silenzioso.” Così racconta Mahmud Darwish, scrittore e poeta palestinese nel libro autobiografico “Una memoria per l’oblio” . Alcune pagine del libro sono tutte dedicate al caffè. Sotto il fuoco dei cecchini, con addosso la brama di vivere e il desiderio di momenti e sapori che ricordano la casa … Leggi tutto

Print Friendly, PDF & Email

Montesquieu, Parigi e il caffè

“Il caffè è l’unico luogo dove il discorso crea la realtà, dove nascono piani giganteschi, sogni utopistici e congiure anarchiche senza che si debba lasciare la propria sedia.” Montesquieu (1689-1755) ironizza sull’abitudine diffusa a Parigi e in una lettera privata scrive: “…nei locali dove è servito, i proprietari sanno come prepararlo perché scuota le menti … Leggi tutto

Print Friendly, PDF & Email

Honorè De Balzac

Nessuno osa dire addio ad un’abitudine. Molti suicidi si son fermati sulla soglia della morte per il ricordo del caffè dove vanno tutte le sere a fare la loro partita a domino. Honorè De Balzac (1799 – 1850) Victor Hugo lo definì un genio. Frederich Engels dichiara di aver appreso dallo scrittore della “Commedia umana” … Leggi tutto

Print Friendly, PDF & Email

Nero, caldo, forte, puro e dolce

“Nero come l’inferno, forte come la morte, dolce come l’amore” (proverbio turco) “Il caffè dev’essere caldo come l’inferno, nero come il diavolo, puro come un angelo e dolce come l’amore” Charles Maurice de Talleyrand-Périgord (1754 – 1838), uomo politico e diplomatico francese “Il caffè, per esser buono, deve essere nero come la notte, dolce come … Leggi tutto

Print Friendly, PDF & Email