Dai primi sacchi a oggi: breve excursus caffeicolo sul Brasile

Che ruolo gioca il caffè nell’economia di uno dei paesi produttori simbolo? La città di São Paulo, non era nulla prima del caffè. Un pezzo di terra dimenticato, una provincia povera all’epoca dell’Impero del Portogallo, nulla più. Poi, arrivò il caffé e, grazie anche al lavoro degli schiavi, a metà del diciannovesimo secolo la cittá crebbe in maniera vertiginosa.
Ma, fu solo nel 1867 che la ferrovia e i treni arrivarono ad aprire gli orizzonti per tutti: persino le fabbriche di sacchi (a quel tempo di juta) incontrarono anni di gloria, grazie al chicco ¨verde¨.

Dall’Italia al Brasile per coltivare caffè – II parte

Flussi migratori, Brasile e caffè: questi gli elementi che si intrecciano e formano il filo rosso della tesi in storiografia di Anisio Ciscotto Filho “L’immigrazione italiana nel Minas Gerais. La fazenda Do Rochedo negli anni 1888-1889”. [prosegue, dalla I parte]